Scarica il PDF e leggi l'articolo anche offline.
Verrai automaticamente iscritto alla newsletter.
Ti invieremo le nostre comunicazioni ogni quindici giorni.

Ottenere valore: fare domande

Download PDF

 

Per quanto sia facile riconoscere il valore e l’importanza del porre domande, nei fatti è una pratica ben poco applicata, non solo con se stessi, ma anche nella relazione con gli altri.

Quanto è un’abitudine, un automatismo spontaneo, farci venire in mente delle domande mentre si ascolta? O quanto, invece, appena ci pare di aver compreso arriviamo velocemente a una conclusione? Quanto utilizziamo le domande per aiutare una persona a capire meglio quello che vorremmo comunicarle? O quanto, invece, cerchiamo di convincerla con le nostre spiegazioni?

Farsi domande e fare domande è faticoso perché è pericoloso. Domandare genera dubbi e incertezze, uno stato d’animo che psicologicamente si cerca di evitare, anche se con il pensiero ammettiamo la virtù delle domande. Perché dopo una domanda si potrebbero incontrare risposte inattese, che:

  1. rendono meno certi di se stessi e delle proprie convinzioni,
  2. generano consapevolezze che non possiamo più ignorare,
  3. producono aspettative che non possiamo nascondere.

Impossibile impossessarsi pienamente di se stessi, e mettere al centro della propria vita quel che cerchiamo di realizzare, senza una pratica accurata e sistematica delle domande. La realtà che si conosce, di sé e del mondo, non solo non è mai tutta, ma è anche sempre nei modi con cui io la vedo, la penso e la vivo.

Fare domande è perciò indispensabile per impadronirsi meglio di ciò che viviamo e di ciò che si desidera ottenere. La domanda apre e riapre le convinzioni. La domanda mobilita i confini e le risposte che ci sono messe a disposizione da abitudini, routine, fretta, timori, approssimazione, negligenza, immaginazione.

Fare domande è dunque un modo di essere, un modo di rivolgerci al mondo, a noi stessi e agli altri. Fare domande è un linguaggio con cui stabiliamo la nostra relazione con la realtà, un linguaggio interessato, attento, accurato e padrone di sé.

PRATICA-MENTE. Nella relazione comunicativa con gli altri, vi sono quattro forme di domande che possiamo utilizzare, che sono anche delle strategie per conversare...

Per comprendere meglio. Vi sono domande che ci consentono di capire più accuratamente, di acquisire conoscenze e informazioni.
Modalità:

  • chiedere notizie
  • verificare la propria comprensione
  • informarsi su aspetti sui quali abbiamo dei pre-giudizi

Per generare nell’interlocutore nuovi punti di vista e nuove idee. Vi sono persone che difficilmente cambieranno idea o punto di vista sentendoci parlare e descrivere le nostre idee. Vi sono domande che spingono l’interlocutore a verbalizzare e analizzare aspetti che aveva trascurato e non aveva considerato.
Modalità: 

  • porre domande su aspetti e fatti rilevanti, ma che l’interlocutore sta omettendo o ignorando
  • fare domande che guidano ad osservare aspetti e punti di vista a lui non abituali
  • porre domande che disorientano

Per ottenere vicinanza e riduzione della contrapposizione o delle ostilità. “Amor, ch’a nullo amato amar perdona”. Il calore produce lo scioglimento delle resistenze. Mostrando interesse verso l’altro, con delle domande, la persona facilmente risponde positivamente a questa attenzione e si riduce la distanza.
Modalità: Formulare domande di cui se ne conosce già la risposta e che prevedono una risposta affermativa. Porre domande che rivelano una positiva curiosità verso l’interlocutore. Fare domande che consentono all’interlocutore di esprimere e descrivere aspetti positivi di sé.

Per motivare e generare un impegno. Un bisogno fondamentale è di sentirsi coerenti con i propri valori. Pronunciare ad alta voce un pensiero non è lo stesso che dirselo in silenzio. Se qualcuno ci ascolta dire un impegno si produce una necessità psicologica di coerenza.
Modalità: Porre domande che esplorano la coerenza tra i valori che possiede l’interlocutore e i modi di agire che applica, accompagnandolo garbatamente di fronte alle proprie incoerenze. Porre domande che portano in primo piano precisi fatti, sui quali interrogare l’interlocutore riguardo alla coerenza che questi fatti hanno con i suoi valori