Scarica il PDF e leggi l'articolo anche offline.
Verrai automaticamente iscritto alla newsletter.
Ti invieremo le nostre comunicazioni ogni quindici giorni.

Conoscere se stessi attraverso il feedback degli altri

Download PDF


“La scoperta di noi stessi ci mette a disposizione tutto ciò che siamo,
ciò che era nostro compito diventare”
Carl Gustav Jung

Nessuno può conoscere a fondo se stesso, senza sapere accuratamente ciò che gli altri pensano di lui e vedono in lui.
Come certo sai: nessuno conosce a fondo ogni singolo aspetto di se stesso. Ma alcuni di questi aspetti che ci rimangono segreti sono ben visti dagli altri.
Perciò:

  • quanto ti dedichi a conoscere ciò che le persone vedono dei tuoi modi di agire?
  • quanto ti interessi e cerchi di esplorare il punto di vista degli altri su di te?

Ricercare ed esplorare negli altri la loro percezione del nostro comportamento ci è utile, anzi INDISPENSABILE, per calibrare l’idea che abbiamo del nostro modo di agire con il nostro effettivo modo di agire.
Cercare negli altri un feedback, ovvero la loro percezione su di noi, ci consente di ottenere 4 conoscenze fondamentali di noi stessi:

  • quanto sono veramente efficaci i nostri modi di agire e dove senza accorgerci abbiamo delle modalità inefficaci?
  • quanto effettivamente siamo quel che crediamo di essere?
  • quali aspetti da perfezionare ci sfuggono?
  • qual è il livello effettivo della qualità delle nostre capacità?

Buoni modi con cui possiamo ricercare feedback:

Modi Esempi e suggerimenti
osserva accuratamente come le persone agiscono con te e reagiscono a te;

cerca di collegare i tuoi modi di agire al modo di agire delle persone con te

  • quando parli le persone sono attente o si distraggono?
  • quando parli che espressioni hanno sul viso?
  • quali sono le persone che ti cercano?
  • quali sono le persone che preferiscono cercare altri a te?
  • di cosa parlano con me le persone?
  • quanto si sentono rilassate le persone con te?
  • chi cerca il tuo consenso?
  • chi invece non è interessato e non cerca il tuo consenso?
fai delle domande; ma attenzione: non fare domande generiche (cosa pensi di me?) invece fai domande molto circoscritte per avere l’opinione degli altri su tuoi precisi modi di agire o di essere
  • quali aspetti ti paiono i miei punti di forza?
  • cosa potrei fare per migliorare il mio modo di collaborare con te?
  • cosa posso fare per essere più efficace nello spiegare i miei obiettivi?
  • sono abbastanza attento/a nel considerare i punti di vista di tutti
  • trasmetto passione nel mio modo di comunicare?
  • le persone si sentono a loro agio nel comunicare con me?
  • ti sembra che sia capace di comprendere ciò che le persone hanno bisogno di dire?
  • so far mie le idee degli altri?
  • le persone seguono le mie idee?
  • quando parlo gli altri sono interessati al mio punto di vista?
  • per chi sono un esempio?
  • cosa posso fare per essere più coinvolgente nel mio modo di comunicare?
trova persone a cui chiedere esplicitamente un feedback su di te
  •  il tuo capo
  • il tuo/la tua collega che ti sembra più accurato/a nell’analizzare la realtà
  • il tuo/la tua collega con il/la quale hai appena terminato un’attività rilevante
  • il tuo/la tua collega che mostra di non apprezzarti
    ma anche…
  • i tuoi amici
  • tuo marito o tua moglie
  • i tuoi figli
crea delle occasioni per conoscerti meglio 3 attività possibili
1.    proponi in una serata tra amici “il gioco dei feedback”: ciascuno trasmette agli altri un pensiero nel quale dice:
l’aspetto che caratterizza di più questo amico/A
– l’aspetto che di più questo amico/a potrebbe migliorare
2.    scrivi su un foglio qualche domanda (massimo 10) che riguarda comportamenti che vorresti conoscere meglio di te; ad ogni domanda metti vicino una scala da 1 a 10; poi distribuisci questo foglio ad almeno 10 persone, chiedendo di compilartelo (anonimamente è meglio)
3.    sempre tra amici; fate un elenco di 5 capacità (esempi di capacità: coraggio, sicurezza, persuasione comunicativa, ascolto, determinazione, affidabilità, iniziativa, ecc.) poi ciascuno in modo anonimo scrive su un foglio, per ogni capacità “Chi tra gli altri maggiormente la possiede” (è possibile scrivere un solo nome per ogni capacità, e possono essere scritti nomi differenti per ciascuna delle 5 capacità). Una volta scritti i fogli, si raccolgono e si leggono i risultati.

2 aspetti importanti da ricordare nel far tuo e valutare il feedback che cerchi o che ricevi:

  • non generalizzare nel riconoscere i tuoi modi di agire e di essere e non generalizzare i feedback che ricevi: ricorda che in situazioni differenti e con persone differenti si agisce e si comunica in modo differente;
  • più le situazioni e le persone sono impegnative, maggiori e migliori capacità occorrono: ricorda che la qualità delle tue capacità dipende dalle difficoltà che sai affrontare con successo;