Scarica il PDF e leggi l'articolo anche offline.
Verrai automaticamente iscritto alla newsletter.
Ti invieremo le nostre comunicazioni ogni quindici giorni.

Smart Working o Telelavoro?

Download PDF

Spesso questi termini vengono confusi tra loro e utilizzati impropriamente. In entrambi i casi, si tratta di modalità di lavoro da remoto, ma quali sono le differenze tra smartworking e telelavoro?

Il telelavoro consiste nello svolgimento della propria mansione a distanza, attraverso una postazione fissa presso la propria abitazione. Il monte ore è deciso dall’azienda e deve rispettare le indicazioni previste dal contratto di lavoro e dalla normativa vigente.

Lo Smart Working, invece, si può effettuare in qualsiasi posto che disponga di una connessione internet, che sia un bar o uno spazio di co-working e, soprattutto, l’orario viene determinato in autonomia dal lavoratore. Parliamo quindi di un meccanismo che punta al raggiungimento degli obiettivi, anywhere & anytime.

Smart Working e Telelavoro, pur partendo da una base comune, hanno dunque un approccio completamente differente. I vantaggi sono comunque molti, in primis il miglioramento della cosiddetta work-life balance.

E voi, che ne pensate? Lavorate in un’azienda veramente “agile”?