Scarica il PDF e leggi l'articolo anche offline.
Verrai automaticamente iscritto alla newsletter.
Ti invieremo le nostre comunicazioni ogni quindici giorni.

Personal fine tuning per personal trainer organizzativi

Download PDF

E se le aziende fossero stufe di fare coaching? 

Mi rendo conto che è un’affermazione forte, eppure….. Talvolta mi sento dire che il coaching è un bellissimo strumento, ma che non sempre lascia traccia del percorso intrapreso. Un AD mi ha detto: “la relazione dei miei collaboratori con il loro coach ha funzionato benissimo. E ora? Quanto sono cambiati i collaboratori?”.

Possiamo sempre pensare che questo scetticismo sia figlio di un desiderio di controllo totale.  Resta che comunicare l’efficacia dell’azione di coaching non è semplice. I miei clienti  desiderano disporre della tracciabilità di quello che è avvenuto e a volte, non conoscendo i principi fondanti di questa metodologia, si aspettano un’azione di mentorship. Nessuno di loro sostiene che sia sbagliato lavorare sull’individuo nella sua interezza, ma, nelle loro parole, risuona un velato dubbio sulla concretezza delle azioni avviate per ottenere i cambiamenti auspicati. Così sono diventata un personal trainer organizzativo che aiuta a trovare dove si sono persi coordinamento e armonia nell’agire del mio coachee. Come il personal trainer di una palestra devo predisporre esercizi per sbloccare nodi comportamentali e favorire il reperimento di un nuovo “assetto posturale”. Questa nuova immagine  di me stessa mi sta dando grande soddisfazione.
E la tracciabilità? Tecnologie digitali di “personal fine tuning” e focalizzazione sui comportamenti mi sostengono nel documentare la storia di un percorso e comunicarlo con il linguaggio delle donne e degli uomini di business.